Excelsa Neptuni Balla

Scudo Nettuno Front

Tra tutti gli Ordini di Nobiltà goliardica, a spiccare sotto tutti i punti di vista è l’Excelsa Neptuni Balla.

La Balla del Nettuno ha i propri pilastri nella voglia di osare, nella fantasia e nell’intelligenza, che funge da filtro e da propulsione per ogni azione degli impavidi goliardi.
Lo studente che arriva dalle punte più lontane della penisola o da Bologna stessa vi trova innumerevoli fratelli, pronti a prendersi benevolmente gioco di lui, ma anche ad insegnargli ad amare la cultura ed affinare il proprio spirito critico. E divertimento, certamente, ottenuto ritagliando tempo e risorse ai sudati studi e misurandosi con l’università e la società esterna in maniera scanzonata e irriverente.
Scenarii nei quali si muovono i “nettuniani” sono infatti una Bologna amatissima, a volte indifferente, addormentata nel traffico e nella politica, e un’Università antichissima, che i goliardi si divertono a risvegliare dal loro torpore, punzecchiandole qua e là con scherzi e iniziative di varia natura, volti a ridestarne le coscienze da sempre aperte alla circolazione di studenti ed idee, ma a volte soffocate dal peso delle sovrastrutture che le imbrigliano.

Storia della Balla

Le sue origini sono strettamente radicate nel tessuto culturale e storico della città, a partire dal nome stesso che rimanda ad uno dei simboli della dotta Bologna: la statua del Nettuno, sita sull’omonima fontana, che abbellisce e nobilita Piazza Maggiore, il cuore pulsante della città.
Questa divinità benevola e complice ha ispirato da sempre diverse generazioni di giovani universitari, che, sotto l’egida del suo tridente di bronzo e all’ombra delle sue pudenda, hanno portato avanti gli stessi ideali diffusi dai primi studenti di Bologna dal 1088 ad oggi: intelligenza, cultura e amore per gli aspetti più goderecci della vita.

Organigramma di Balla

È caratterizzato dall’altisonante gerarchia ecclesiastica, che ripercorre tutte le cariche del clero, da una forte simbologia, che si rimanda alle loro Croci, ai loro Colori, il Bianco e il Nero e, ovviamente alla Fontana Del Nettuno e al suo Tridente, uno dei simboli del Potere Papale.
I colori simbolo della Balla del Nettuno sono il bianco ed il nero, unione degli opposti che caratterizzano la tessitura profonda della vita: vita e morte; gioia e dolore; generoso slancio e crudo impattotra le natiche.

Contatta la Balla

La fila dei postulanti è lunga e per entrare nella Balla del Nettuno occorre superare un processo tra i più difficili della goliardia, ma potresti sopravvivere. In ogni caso lascia un calco dei denti al tuo dentista di fiducia.
Per ulteriori informazioni, curiosità pruriginose e voglie inconfessabili contattaci su:
Facebook
Email